Immaginate di poter indurre in un ipotetico osservatore l’illusione di stare a guardare oggetti reali, che in realtà sono stati creati ad arte per ingannare la percezione visiva di chi ne usufruisce.

YOY, studio nato dalle brillanti menti di Naoki Ono e Yuki Yamamoto, lavora dal 2011 su particolari figure, immagini e situazioni capaci di disorientare il nostro sistema percettivo al punto da indurlo in errore, portandolo a vedere qualcosa che in realtà è puramente un’illusione ottica.

La nuova proposta dei due giovani designer giapponesi esposta al SaloneSatellite 2014 di Milano è LIGHT, una “minimalissima” lampada che, da spenta, imita una presa di corrente, ma al momento dell’accensione, proietta al muro la sagoma di un abat jour.

Questa sorta di trompe-l’œil è reso possibile dalla presenza di un LED all’interno dell’estremità dell’asta e di un’apertura trapezoidale posta lateralmente.

Naoki e Yuki ci parlano così dei loro progetti: “Cerchiamo di creare qualche stranezza nella vita quotidiana in una stanza. Quello che possiamo dire è che il LED ha un sacco di possibilità per i progettisti di creare nuove idee sulle lampade”.

Già negli anni precedenti i due designer hanno proposto due insolite lampade a LED sullo stesso concetto ma con tecniche diverse: con SWING (2013) si sperimenta l’effetto dell’oscillazione di una lampadina; mentre con PEEL (2012) si da l’illusione che il muro stia “spellando” in un angolo, da cui penetra un’ intensa luce, creando così un effetto ottico sorprendente.

No more articles