Disegni archetipici, simboli universali, elementi iconografici assemblati senza alcuna ripetizione in un foglio di carta da parati lungo nove metri. E’ l’ipnotizzante design della collezione Archives ideata da  Job Smeets e Nynke Tynagel, fondatori di Studio Job, per NLXL.

Fondata nel 2010, NLXL è un’azienda olandese specializzata nella produzione di carte da parati. Dopo il successo della collezione Scrapwood, disegnata da Piet Hein Eek e dai suoi fondatori Rick e Esther Vintage, premiata a New York con l’Editor’s Award all’ICFF (International Contemporary Furniture Fair) e inserita nella collezione permanente del Cooper-Herwitt, NLXL ha presentato al Salone del Mobile di quest’anno la nuova collezione firmata Studio Job.

Studio Job è uno studio di design, con sede ad Anversa, fondato nel 2000 da Mr. e Mrs. Smeets, entrambi laureatisi presso l’Accademia di design di Eindhoven.
Il loro intento è quello di ridefinire le arti decorative per l’età contemporanea e ciò è fortemente percepibile dalle loro creazioni, caratterizzate da un’incredibile potenza espressiva e realizzate in pezzi unici o in edizioni limitate.

La collezione “Archives” prende il nome dall’idea che ha ispirato i designer fin dall’inizio: recuperare iconografie già esistenti dagli “archivi” dello studio e riassemblarle in nuove composizioni e combinazioni.
Illustrazioni intricate, particolareggiate e accuratamente definite nei minimi dettagli, si estendono per nove lunghi metri, dando vita a sette differenti modelli di fogli di carta da parati che rifiutano il credo Modernista “less is more” in favore del “more is best”.

Unici e senza ripetizioni. Industry, Labyrinth, Perished, Alt Deutsch, L’Afrique e Withered Flowers, nelle due versioni a colori e bianco e nero.

“Archives” si pone a metà tra arte e design, tra elemento decorativo e elemento di espressione visiva a se stante, tanto che viene spontaneo chiedersi se questi pattern debbano essere semplicemente attaccati ad un muro per assolvere alla loro mera funzione decorativa, o se meriterebbero di essere incorniciati ed essere appesi su di esso.

“Il semplice muro bianco dietro ad un dipinto è un’idea che viene dal modernismo. Nel XVII e XVIII secolo, era comune presentare un’opera d’arte su uno sfondo di carta da parati di seta molto ornata. Ma permettetemi di metterla un altro modo: con questa carta da parati non avete più bisogno di dipinti. Vista da questo punto di vista, per metro quadro, è un’arte relativamente economica.”

Dopo il grande successo al Salone del Mobile, con “Archives by Studio Job”, NLXL si aggiudica per la seconda volta l’ICFF Editors Award a New York per il miglior design per rivestimento di pareti e le creazioni dei designer belga sono state in esposizione nelle sei vetrine di Saks Fifth Avenue, catena di grandi magazzini statunitensi, dedicate ad Alexander McQueen.

 

No more articles