Una delle prime cose che ti insegnano da bambino è il come sedersi.

È importante avere una corretta postura per evitare problemi alla schiena, e su questo siamo tutti d’accordo. Molto spesso però ci troviamo seduti in posizioni non convenzionali rese scomode più dalla forma della sedia che dalla postura in sé.  Un atto coatto che la designer finlandese Kirsi Enkovaara non avrà mandato giù, tanto da realizzare una struttura flessibile che può essere arrotolata o piegata per sostenere il corpo nelle più svariate posizioni, dalle comode a quelle strane.

“The Body”, questo il nome, è il progetto di laurea di Kirsi Enkovaara per il corso di Design Products al Royal College of Art di Londra ed ha il fine ultimo di incoraggiare le persone a rivalutare il modo in cui siedono.

“From early on we learn what is the right way for sitting in our own culture and have seats that encourage these ways of sitting, but often we can find ourselves sitting in very odd positions in standardised seats. This seat provides an opportunity and encouragement to let a person dictate the way of sitting. It encourages awareness how a person and an individual body likes to sit and provides a platform for interaction and research into individual ways of sitting.”

Per quanto concerne la composizione, la struttura è interamente composta da chicchi di riso, materiale scelto dopo vari tentativi, perché in grado di mantenere la forma seppur non convenzionale─una volta modellata─in maniera solida e stabile.

“While designing it, I went through multiple variations of the basic shape from round to more complex shapes but all of them ended up restricting the way it could be bent and shaped. I find the beauty of this product being when the simple form turns into various complicated configurations as a result of human interaction”.

6 metri di colore rosa per liberarsi da schemi rigidi, per diventare conchiglia o koala e avere un sostegno un supporto, morbido, ma al tempo stesso sicuro.

No more articles