Titolo singolare ma abbastanza esemplificativo di quella che è stata la nuova collezione P/E 2015 di Junya Watanabe presentata lo scorso settembre a Parigi.

Conferma sicuramente il suo talento e il suo genio Mr Watanabe che, dopo aver appreso l’arte della sartoria e della concettualità da colei che tutto muove e tutto può, Rei Kawakubo, continua a stupire per innovazione, artigianalità ed esagerazione.

Come Picasso vedrebbe un manga, gli abiti dalle forme assurde e strepitose rimandano subito ad un concezione carnevalesca o ad un visione tipica del mondo manga, reinterpretata in chiave cubista.

Quello che appare chiaro e distinguibile è sicuramente la scenicità. I riferimenti artistici riconducono a Picasso e per certi versi a Kandinsky per colori e geometrie che si intersecano tra di loro. Una teoria del colore del tutto astratta che ragiona principalmente per colori primari, forme spaziali o di ispirazione 60′, un ritorno alla moda che è andata oppure una proiezione astrale in uno spazio-tempo futuribile?

Qualunque sia la risposta, la collezione ha impressionato il mondo della moda ma anche del comics.

Ma la P/E di Junya Watanebe si presta a tante differenti interpretazioni che variano al variare delle decorazioni. Si passa dal manga ad abiti strutturati con grandi cerchi, quasi delle nebulose attorno alle quali gravitano i pianeti costituiti da pezzi di cuoio o vinile colorati, caschi spaziali cingono il capo delle modelle. Al tempo stesso i tubini diventano iper lavorati e sartoriali con origami di avanguardia.

Pezzi estremamente elaborati a metà tra l’opera d’arte e il fumetto, donne del futuro o divertenti alieni sbucati fuori da un qualche cratere lunare?

Ogni stagione si compie la magia e, da qualunque pianeta vengano queste creazioni, non possiamo fare altro che lasciarci meravigliare.

No more articles