Parlare del designer – artigiano Konstantin Kofta e del suo brand, Kofta, facendo menzione al suo luogo d’origine è ormai riduttivo. Se infatti quando lo abbiamo intervistato per il primo numero di AWM il suo nome era tra quelli dei designer emergenti da tenere d’occhio, ora è una vera e proprio certezza. Ne è la conferma la nuova collezione autunno inverno 2015, Orb.

Anche questa collezione – come d’altronde le passate – mantiene un’aura concettuale e mistica molto forte che “gioca” con la forma geometrica della sfera e coi suoi molteplici significati:

“Orb is a perfect manifestation of form, It was the basis of everything.
In the beginning of time…
Time began ticking after dividing spheres to billions of particles.
In the beginning of space..
The smallest orbital particle that has physical properties is atom.
In the beginning of life…
The smallest structural and functional unit of a live organism is cell.
One orb transforms to endlessness to be experienced.”

Si riconfermano i caratteri riconoscitivi del brand: forme complesse, richiami al 3D e sperimentazioni su pelle. Un processo non solo creativo, ma anche di esecuzione arduo e complesso, quasi pesante se non faticoso. Alla vista – però – quella che appare è una collezione brillante, in cui questi elementi sono abilmente concettualizzati ed egregiamente realizzati.
Queste scarpe e queste borse sono la conferma di un talento che va al di là delle mode del momento, che ha trovato nel connubio tra arte ed artigianato la sua strada e che sa come percorrerla.

No more articles