Jaejin Hwang – Tra il sonno e la morte

Jaejin Hwang è originario della Corea del Sud e vive attualmente in Ohio. I suoi lavori sono incentrati su momenti del nostro vivere quotidiano che potremmo definire casuali o comunque naturali, vissuti cioè con disinvoltura. Un approccio lato, simbolico piuttosto che diretto alla fotografia, caratterizza i suoi scatti.
La serie “Asleep” è ispirata alla omonima canzone dei The Smiths e prova a catturare ed esprimere le similitudini tra una morte serena e l’addormentarsi.

Il sonno e la morte spesso vivono fianco a fianco nei recessi profondi della nostra coscienza; il desiderio di tutti noi di morire addormentati, in maniera “calma”, vivere senza dolore né preoccupazioni l’ultimo atto terreno. E svanire poi verso un altro regno.
Eppure, mentre la morte e il sonno sono ignari l’uno dell’altro rappresentando stati diversi dell’essere e del non essere, Hwang decide di rappresentarli come complici di un disegno superiore. Ecco che quindi le sue foto ci portano in una terra di confine che allude a tale complicità senza mai affrontarla pienamente.
Le sue immagini – articolate attraverso un’estetica fatta di colori tenui – sono un viaggio nella vita di tutti i giorni, in quei momenti che si trovano ai margini della vita e della morte, tra il sonno e la veglia.

Gli scatti sembrano rappresentare un continuum narrativo che si muove tra la natura ed il contesto urbano, tra la routine e la banalità.
In molti modi queste fotografie cercano qualcosa oltre la nostra comprensione, al di là del mondo visivo, rappresentano un punto di partenza per una riflessione su come la vita sia vissuta anche quando non siamo coscienti. È comunque considerabile vita quella che non viviamo?

Per completezza, vi lasciamo al testo completo del brano:

Sing me to sleep
Sing me to sleep
I’m tired and I
I want to go to bed

Sing me to sleep
Sing me to sleep
And then leave me alone
Don’t try to wake me in the morning
‘Cause I will be gone
Don’t feel bad for me
I want you to know
Deep in the cell of my heart
I will feel so glad to go

Sing me to sleep
Sing me to sleep
I don’t want to wake up
On my own anymore

Sing to me
Sing to me
I don’t want to wake up
On my own anymore

Don’t feel bad for me
I want you to know
Deep in the cell of my heart
I really want to go

There is another world
There is a better world
Well, there must be
Well, there must be
Well, there must be
Well, there must be
Well…