Atipografia – La Dicotomia di Alberonero e Martina Merlini

Il 24 ottobre avrà luogo l’attesissima riapertura di Atipografia, stiamo parlando della giovane associazione che ha fatto di una storica tipografia ottocentesca, nel centro di Arzignano (VI), un centro di diffusione dell’arte contemporanea in tutte le sue forme espressive. Vi abbiamo già parlato di questo grande spazio espositivo (1000mtq), aperto a collaborazioni artistiche locali e internazionali che vuole promuovere la comunicazione artistica con la comunità. Appena reduci dalla residenza Instagram e da ArtVerona (16-19/10/15)  inaugurano  questa nuova stagione con la mostra DICOTOMIA di Alberonero e Martina Merlini.

Il titolo, ispirato al primo degli argomenti di Zenone contro il movimento, si esplicita nel termine greco “Epochè” l’atto di “sospensione dell’assenso” secondo cui:

“Se non è in mio potere di pervenire alla conoscenza di verità alcuna, almeno è in mio potere di sospendere il giudizio[…] Per la costituzione di una conoscenza certa e salda, è necessario dubitare di qualunque cosa” (Cartesio)

La sfida proposta agli artisti, è quella di liberarsi dalle consuete dinamiche globali, che vogliono la visione orizzontale come quella maggiormente adatta per la realtà, in favore di una nuova e stimolante visione che è quella della verticalità.

Ed ecco che la sede, in quanto reperto di archeologia industriale, con la sua spaziale regolarità interrotta dall’intonaco graffiato dei muri di sasso, si presta perfettamente ad accogliere le dissonanti proposte dei due artisti chiamati in situ. Da un lato Martina Merlini, con la sua sinuosa installazione, accompagna lo spettatore in un percorso che vuole dialogare con lo spazio ma con l’intento di rompere la linearità strutturale con il dolce gioco dell’inafferrabile. Dall’altro Albero nero, da ex-muralista sembra quasi riuscire, con la sua grande installazione, a catturare la luce necessaria a ricostruire nuovi muri.

La Dicotomia dei due percorsi che divengono complementari nello scambiarsi i ruoli.

Atipografia
Atipografia

Informazioni utili:
Inaugurazione: sabato 24 ottobre 2015, ore 18.00 – 21.30 ALBERONERO e Martina Merlini
Atipografia Associazione Culturale Arzignano (VI) Piazza Campo Marzio, 26

Mostra temporanea: dal 24/10 al 11/01 Orari di apertura: venerdì, sabato e domenica dalle ore 11.00 alle 19.00.

Per appuntamenti info@atipografia.it o 0444 1240019

Con il patrocinio di: Comune di Arzignano
Biografia degli artisti:

Alberonero classe ’90, nasce a Lodi, inizia a dipingere verso i 15 anni, seguendo i più grandi. Lavora con forme minimali, essenziali e sintetiche riducendo gli elementi del linguaggio visivo ai minimi termini. La preparazione nasce dallo spazio architettonico e dalla ricerca delle sensazioni che quest’ultimo può trasmettere una volta ridisegnato. Azzerando la forma ed utilizzando il quadrato come mezzo di espressione pura della singola cromia, il colore si pone come elemento centrale del lavoro. Qui si formano quelle energie che permettono alle superfici di scaturire emozioni a seconda dell’ordine e dei calcoli matematici interni alla composizione. Ogni colore é capace di creare una sensazione nuova e differente rispetto al contesto ed in base alla loro disposizione, geometria e interazione si generano diverse possibilità di trasmissione sensoriale nello spazio urbano e non.

Martina Merlini è un’artista visiva bolognese, classe 1986, che vive e lavora a Milano. Attiva dal 2009, pubblica con numerose riviste ed etichette indipendenti. Inizialmente imperniato sull’illustrazione, sempre di più, negli ultimi anni, il suo percorso artistico si snoda nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti. Martina ha un approccio inedito e raffinato, utilizzando in modo particolare la cera e la carta in un’ottica xilografica, costruendo un’armonia di elementi astratti e geometrici.