Paperwork and the Will of Capital di Taryn Simon – Tutti i fiori del potere

Paperwork and the Will of Capital è la personale dell’artista americana Taryn Simon preso la Gagosian Gallery a Roma. Con la sua nuova serie di lavori, Simon ci offre un’insolita rappresentazione del potere, attraverso le decorazioni floreali dei luoghi in cui gli uomini più potenti della Terra hanno deciso le sorti del nostro pianeta.

Alla base di questa singolare indagine, ci sono le fotografie di archivio di trattati ufficiali e degli studi del botanico George Sinclair. L’artista americana esamina fotografie d’archivio di importanti incontri politici e alcuni trattati che hanno influenzato gli ultimi decenni della storia mondiale: dall’armamento nucleare alle negoziazioni sul petrolio, al commercio dei diamanti. Le immagini, insieme alle relative descrizioni, sottolineano il modo in cui il potere politico ed economico rappresenta se stesso,  la messa in scena, consolidando la propria autorità. Ognuna delle riproduzioni di queste composizioni floreali rappresenta un “bouquet impossibile”, immagine molto popolare nelle nature morte olandesi del Seicento, periodo in cui si diede inizio allo sviluppo del capitalismo moderno. Mentre allora il “bouquet impossibile” era un insieme di fiori che mai sarebbero potuti sbocciare naturalmente nella stessa stagione o zona geografica, adesso, grazie alla globalizzazione, è una fantasia diventata realtà.

Grazie alla collaborazione di un botanico, Taryn Simon ha identificato tutti i fiori presenti nelle fotografie prese in esame. L’artista ha poi ricostituito le decorazioni presenti ad ogni evento e le ha fotografate su campi bicolore ispirati agli ambienti delle immagini originali, accompagnando ogni composizione con la descrizione del relativo accordo. Come nell’iconografia seicentesca il fiore reciso rappresentava la fugacità della vita, in Paperwork and the Will of Capital, Taryn Simon rappresenta la natura tragica del potere politico-economico contemporaneo, concentrato in pochissime mani, da cui, nonostante la sua estrema instabilità, dipende l’esistenza di miliardi di persone.

Recap:
Paperwork and the Will of Capital
Gagosian Gallery – Roma
14 aprile – 24 giugno