RELiable COMmunications – L’archeologia informatica di Yuri Pattison

Sviluppandosi con una rapidità senza precedenti, Internet ha ormai assunto le sembianze di una entità autonoma in grado di influenzare significativamente la realtà. In brevissimo tempo internet ha costruito nuovi codici comunicativi e modelli alternativi per la creazione e la condivisione dei saperi e nuove e ancora più efficaci forme di controllo sugli individui.

RELiable COMmunications di Yuri Pattison scavando nella intricata massa di dati presente in rete, fa emergere relitti digitali nascosti negli strati più reconditi di internet.

I percorsi principali di questa particolare operazione di “archeologia informatica”, sono due avvenimenti di rilevante portata storica, che hanno avuto luogo per la maggior parte sul web.

Il primo in realtà risale alla preistoria di internet, ad un periodo precedente la creazione del world wilde web. Si tratta del tentativo di colpo di stato che ha avuto luogo in Unione Sovietica nel ’91 ai danni del presidente Mikhail Gorbachev, organizzato dai membri del PCUS contrari alle riforme dell’allora presidente russo. La maggior parte delle comunicazioni per il coordinamento delle operazioni del golpe erano state coordinate su una piattaforma di condivisione di informazioni, molto simile a internet, chiamata RELCOM, abbreviazione di Reliable Communication.

Il secondo avvenimento, molto più recente, è la diffusione di file riservati dell’esercito statunitense riguardanti crimini commessi dagli Stati Uniti nelle guerre in medioriente, pubblicati on line dall’ufficiale dell’esercito Chelsea Manning, il quale è stato poi accusato e condannato per alto tradimento sulla base di alcuni messaggi scambiati via chat con l’ideatore di Wikileaks, Julian Assange, che provano il suo diretto coinvolgimento nell’operazione di trafugamento dei file.

RELiable COMmunication è uno schizofrenico flusso di immagini, estratti di conversazioni private, file governativi e dati sensibili di personalità coinvolte negli avvenimenti tratti, che, attraverso i frammenti sparsi per il web, delinea in maniera concitata eventi storici fortemente enigmatici del nostro recente passato e che sono stati oggetto di una costante azione di occultamento.

In questo modo Internet si configura non solo come un mezzo estremamente efficace di controllo sugli individui, ma anche come lo spazio in cui poter esercitare l’ultima azione di resistenza.