Quando scoprimmo il mare – Luca Prestia

Sembra che il mare sia un topos caro al fotografo Luca Prestia. Mentre in Eleven pictures of ordinary fun l’attenzione era riposta sullo scorrere della vita nelle mete estive in periodi diversi da quelli dediti alle vacanze, la nuova Quando scoprimmo il mare si concentra proprio su quest’elemento, mostrando in maniera obiettiva le differenti modalità con cui le persone vi si relazionano.

Con l’inizio del 1900 il mare diventa una moda, dapprima riservata alle élite europee, successivamente aperta alla totalità della popolazione. Una moda che scaturisce da ragioni inizialmente legate all’ambito della salute del corpo, per poi trasformarsi in una pratica sociale di primaria importanza: luogo di divertimento, di relax, di ostentazione del lusso o di affermazione del proprio status, il mare diventa un elemento ‘amico’ che il Novecento consacrerà definitivamente come topos vacanziero italiano ed europeo.

Spiagge affollate, gruppi sparuti e individui solitari. Nonostante possano essere diverse le motivazioni, tutti si ritrovano a dedicare pensieri e riversare aspettative nei confronti di un’area che in passato veniva vista come foriera di pericoli. Gli scatti incantano per il filo conduttore che li lega, catturano lo sguardo per quello che non hanno in comune, che non è catturabile dall’obbiettivo: lo stato d’animo di chi frequenta il mare, elemento che grazie al talento di Prestia riesce a fare da sfondo e al tempo stesso da protagonista di tutte le foto.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11