Intervista illustrata | Camille Yin in 5 disegnini

Non tutti sono a proprio agio con le parole, alcune persone riescono ad esprimere appieno il proprio essere con la musica, altre con le immagini. Per questo motivo, abbiamo deciso di iniziare questo nuovo tipo di format in cui diamo 5 input ad alcuni degli illustratori che più ci piacciono e chiediamo loro di rispondere attraverso dei disegnini. Non un qualcosa di complesso e elaborato, ma proprio degli schizzi abbozzati su carta, come quando da bambini diamo forma alla nostra fantasia.

Sono un’art director ed illustratrice francese residente a Londra. Quotidianamente lavoro nel mondo della pubblicità, ma disegno quanto più possibile per progetti personali o su commissione.
Il mio stile spazia tra grafica vettoriale ed illustrazione digitale e mi diverto a sperimentare con texture e tinte unite. M’ispiro ai miei sogni ad occhi aperti, spesso visualizzando l’immagine finale nella mia testa ancor prima che mi sieda al computer. L’immaginazione mi aiuta a schizzare velocemente.
A differenza di altri artisti, per me è importante essere dell’umore giusto quando disegno. Se mi sento stressata o di cattivo umore non ho voglia di far nulla, nemmeno disegnare!
Nonostante abbia superato i trent’anni, continuo a ripetermi: “quando sarò grande, avrò il mio studio d’illustrazione!”.
Non ricordo quando ho iniziato a disegnare. Ricordo che ho sempre disegnato con mia sorella, era il nostro gioco preferito quando eravamo bambine. Ed anche lei come me continua a disegnare nel suo tempo libero. Ogni volta che ho tempo, in treno o in una sala d’attesa, disegno. Provo a migliorare il mio stile e spirito d’osservazione. Sono sicura che rimarrà uno dei miei “giochi preferiti”.

WebsiteBehanceInstagram

Cosa sognavi di fare da bambina?

Cosa hai mangiato ieri sera?

La tua attività preferita

La tua idea di serenità

Come ti immagini tra 20 anni?